Four Lines, an emotional trip of experimentation through Scandinavia

By Chiara Nuzzi

Four young Italian photographers, Gabriele Chiapparini, Andrea Colombo, Anna Morosini and Elena Vaninetti, come from different parts of Italy and also from different territorial realities to join into a unique adventure. The project is based on a photography “on the road” trip (“trip” mean as “dimension”), with the exclusive use of the instant photography language (Polaroid). Scandinavia was their destination. This goal represented a completely different reality from their usual landscapes: white, pure, geometric, clean. The journey took 24 days and it was 9000 km long. The group of artists crossed Denmark, moved to Norway, touched Lappony and then Sweden, using 200 Polaroid films during the travel, for more then 1800 unique shots.

The idea was to tell through images the sharing of a unique space-time. It was analyzed from four marked and different points of view, which have inevitably some common elements, but which have also been defined in an individual way for colours, feelings and atmospheres.

How the idea of the project was born? When did you decide to realize it and how many time did you get to make it possible?

Four lines is a photographic project. It was born one year ago, it is a journey of experimentation and discovery through a long route in Scandinavia, completely realized by Polaroid films. The idea developed last year, we were deeply inspired by the movie Fargo and by its freezing and linear atmospheres and images, by our will to go far away, out from our daily life, discovering new visual imaginaries.

We all virtually knew each other through Flickr, and we were all fan of the others components’ photos, we chose each other for our marked and recognizable styles. Moreover, we wanted to give the travel story four different points of views. We organized everything in four months and then we pushed off.

Each of you has lived a common experience, through his own individuality, sharing it thanks to his pictures. Could you give us four different anecdotes or tell about some place particularly meaningful for you?

Elena: My most vivid memory happened in Floro (Norway). We were placed in a great flat, there was a little wharf overlooking on an enchanting fjord. It was the sunset and I was on the phone with my boyfriend from Italy, looking out of the window. Suddenly I saw the little isle in front of me, and I had to leave my boyfriend holding on for five minutes (poor him, he’d probably spent millions for that call), because I had to take a photo of that moment, the light, the red water… That image was too perfect to let it go.

Anna: the Isles Lofoten are the set of the most moving memory. We were there since days and on travel even since more. In addition to the fatal excitement for living in a little house of fisherman on the wharf in the middle of the North Sea and for discovering every day wonderful white beaches in the middle of peaks black like nightmares, I lived a very strong and personal experience. It was 2 a.m., the other guys were about to sleep, with their tisanes and knee socks on their feet. Outside it was starting to rain in the nocturne glimmer that seemed silver. It looked like one of the loneliest place in the world. I got dressed and I came out alone. It was impossible for me leaving at home, keeping still, while the world outside was screaming in that way, shaking me deeply. I started to walk, the camera on my shoulders. I came along the small port, crossing the desert village, up, up to the headlight near a heap of rocks forming a crater towards the North Sea. There, I took a picture, and it was like writing a page of my diary. It was exactly what I wanted from that journey.

Andrea: I lived an indelible memory with Gabriele (so I can even talk for him). We were on a boat (well, it was less or more 4 meters…) along one of the thousand Norwegian fjords, bouncing from an isle to another. At a certain moment we saw a little cake-shape isle, not bigger than the half of a football field, inhabited by a flock of rams. We immediately wanted to photograph them, so we came closer. We were grounded. But that was not the real problem. The real problem was that we had to defend ourselves from the dominant ram that thought we had invaded its territory and got terribly aggressive. So, while Gabriele was keeping the animal far from us with a row to avoid he jumped on the boat and made us sank, I was plunged into the water (definitely gelid) trying to coming out from the shallows… At the end, among screams and hysterical laughs, we got it.

Gabriele: There could be millions of anecdotes. Here I want to pinpoint the time we passed riding a car, very far and very close. Each one was listening to his music and following his thoughts. The words and jokes were rare and seldom. But everything was very intense. We saw the same places but from four different frames (the windows), and this led us to take so many photos that otherwise would not have been realized.

Are you planning a new journey together? Which place would visit if you could repeat the experience?

Andrea: We had a lot of work for this project, so we still had not the time to think about new possible destinations: the only certain thing is that we want to head to the warm.

Anna: I agree and I propose the Fiji

Gabriele: at the moment we all have independent projects, something is brewing for all of us.

Which were the biggest practical difficulties of your journey? From the artistic point of view, has been hard to converge four different points of view in a sole sight?

Andrea: I can’t remember any trace of difficulty, maybe for the charm of the journey, or for the emotional feelings, who knows… The only moment of panic was when we finished the petrol on a very high Danish bridge, with the car turned off going down for the gravity force…

Anna: the difficulties were more before and after the experience. The organization of a so complex project and journey (and of the next exhibitions, publications and commitments), which has been done from tree different cities (we will thank uncle Internet all life long), has been sometimes hard to manage. Instead, about the journey, every practical problem that has presented (ending of petrol, money lack, damned hostels, killer rams, seasickness, rebel Polaroid) just has developed in another funny and exciting anecdote that binds our selves to the trip itself.

Elena: the trip started with bad luck. I forgot the ID card in Milan and I became aware of it only at Bologna. Luckily I solved the problem thanks to a saint man and I left with the documents. Then, on the car, we realized that the cigar lighter was out of order and we could not load the navigator. Moreover, we left on the 1st of May and every car electrician repairs in Italy was closed. Finally, to repair it substituting fuses we were able to put out of order the radio too. All this has happened before crossing the boundary with Austria. I let you imagine the rest… anyway, as Andrea and Anna say, the accidents make a journey more coloured and, rethinking it now, I have a laugh. Artistically, everything came in a very natural way. Being together a lot of time our eyes started to be attracted by similar things, but obviously every one has represented them with his style.

Gabriele: the first day mishap and the loss of tree cameras. About the four points of view, I don’t really think they have been translated into a unique one. I think they have remained four different sights, contaminated but different.

Why did you choose the charming medium of the Polaroid?

Polaroid live of proper life, they are unpredictable and fascinating, touching and not incredibly equal one to the other as the digital photos of today. Our project is born exactly when Impossible Project announced the launch of the new films for Polaroid cameras. We thought that it was the perfect time to show everybody what could be realized with the “obsolete” instantaneous photography. Moreover, the combination Polaroid-Scandinavia seemed perfect and we could not resist. Sometimes it is a harsh means, not very comfortable to photograph in particular atmospheric conditions, but for the final result it is matchless.

Do you think you will continue to work together in other projects? Do you have something on your mind that you would anticipate us?

At the moment we do not have anything new, we are concentrating ourselves on promoting the project, on the exhibitions and on the sale of our photographic book, that you can find here: http://fourlines.bigcartel.com/.

Quattro giovani fotografi italiani, Gabriele Chiapparini, Andrea Colombo, Anna Morosini e Elena Vaninetti, sono partiti da quattro parti diverse d’Italia e da quattro realtà territoriali differenti per unirsi in un’unica avventura. Il progetto è basato sulla fotografia di viaggio “on the road” (dove viaggio vuole significare dimensione), attraverso l’uso esclusivo del linguaggio della fotografia istantanea, la Polaroid. La Scandinavia come loro destinazione. Questa meta rappresentava una realtà completamente diversa dai loro paesaggi abituali: bianca, pura, geometrica, pulita. Il viaggio è durato 24 giorni e 9000 km. Il gruppo di artisti ha attraversato la Danimarca, si è diretto in Norvegia, ha toccato la Lapponia e infine la Svezia, usando 200 pellicole Polaroid per più di 1800 scatti unici. L’idea era quella di raccontare attraverso le immagini la condivisione di un unico spazio-tempo. Questo è stato analizzato da quattro diversi punti di vista, marcati ma ben differenziati, che hanno inevitabilmente in comune alcuni elementi, ma che si sono definiti in modo individuale per colori, sensazioni e atmosfere.

Com’è nata l’idea del progetto? Quando avete deciso di realizzarlo e quanto tempo ci avete messo per renderlo possibile e riuscire a partire?

Four lines è un progetto fotografico nato un anno fa, un viaggio di sperimentazione e scoperta, attraverso un lungo percorso in Scandinavia, realizzato interamente in Polaroid. L’ idea è nata l’ inverno scorso, ispirati dal film Fargo e dalle sue atmosfere e immagini gelide e lineari, dalla voglia di  andare lontano, fuori dalla nostra quotidianità, alla scoperta di nuovi immaginari visivi. Ci conoscevamo tutti telematicamente tramite Flickr, tutti grandi fan delle foto degli altri componenti, ci siamo scelti per i nostri stili marcati e riconoscibili, abbiamo voluto dare al racconto di viaggio 4 punti di vista differenti. Ci abbiamo messo circa 4 mesi ad organizzare il tutto.

Ciascuno ha vissuto un’esperienza comune ma attraverso la sua individualità, e l’ha trasmessa nelle proprie immagini. Potreste regalarci 4 ricordi diversi legati ad un aneddoto o un luogo che vi è rimasto particolarmente impresso?

Elena: Il mio ricordo più vivido è a Floro (Norvegia) eravamo sistemati in un appartamentino favoloso, con un piccolo molo che si affacciava su un fiordo incantevole, era l’ora del tramonto ed io ero  al telefono con il mio ragazzo dall’ Italia, guardando fuori dalla finestra ho visto l’ isolotto davanti a me, ho dovuto metterlo in attesa 5 minuti(povero avrà speso milioni per quella  telefonata) perchè dovevo a tutti i costi fotografare quel momento, la luce, l’ acqua rossastra, quell’ immagine era troppo perfetta per lasciarsela scappare.

Anna: uno dei ricordi più emozionanti per me riguarda le isole Lofoten. Eravamo lì da giorni ed in viaggio da ancora di più. Oltre all’entusiasmo micidiale di vivere in una casetta di pescatori su di un molo nel mare del nord, oltre a scoprire spiagge bianche meravigliose in mezzo a picchi montuosi neri come incubi, mi sono ritrovata a vivere un’esperienza intima molto forte. Alle due di notte, mentre gli altri si preparavano a riposare, tisane alla mano e calzettoni ai piedi, e fuori iniziava a piovere (nel chiarore notturno che sembrava argento, in uno dei posti più solitari del mondo), io mi sono vestita e sono uscita da sola. Mi era impossibile restare a casa, ferma, mentre il fuori urlava in quel modo, smuovendo una parte profondissima di me. Sono partita naturalmente a piedi, macchine fotografiche in spalla, costeggiando il porticciolo, attraversando il paesino deserto, su, fino al faro e ad un ammasso di scogli che formava un cratere verso il mare del nord. Ho scattato una foto ed è stato come scrivere una pagina di diario. Ed era esattamente ciò che volevo da questo viaggio.

Andrea: un ricordo indelebile l’ho vissuto con Gabriele (quindi posso parlare anche a nome suo). Eravamo in barca (ma che dico, sarà stata più corta di 4 metri) lungo uno dei mille fiordi norvegesi, rimbalzando da isolotto a isolotto, quando ad un certo punto ci si materializza davanti un piccolo panettone, grande quanto metà di un campo da calcio, abitato da un gregge di montoni. Presi dalla foga di fotografarli ci siamo spinti così vicino che ci siamo incagliati. Il vero problema non è stato però quello di porre rimedio a questa stupidata quanto, invece,quello d difendersi dal montone dominante che, sentendo invaso il suo territorio, si è fatto tremendamente aggressivo. Così, mentre Gabriele teneva lontano l’animale con un remo evitando che saltasse sulla barca rischiando di farci colare a picco io ero in acqua per metà (decisamente gelida) nel tentativo di uscire dalla secca…alla fine, tra urla e risa isteriche, ce l’abbiamo fatta

Gabriele: di aneddoti ce ne sarebbero milioni. Quello che invece vorrei sottolineare qui in questo momento era il tempo che trascorrevamo in macchina. Vicinissimi e lontanissimi. Ciascuno con la sua musica e i suoi pensieri. Rare parole. Rade battute. Tutto è stato molto intenso. Vedevamo gli stessi luoghi ma da quattro frames diversi (i finestrini). Questo ci ha portato a fare un sacco di scatti che altrimenti non sarebbero stati realizzati.

Avete in programma un nuovo percorso da tracciare e condividere insieme? Che luogo scegliereste se aveste la possibilità di ripetere l’esperienza?

Andrea: vista la mole di lavoro che abbiamo per questo progetto non abbiamo avuto ancora il tempo di confrontarci su future possibili mete: l’unica cosa certa è che dal freddo vogliamo puntare al caldo.

Anna:(sottoscrivo Andrea e propongo le Fiji.)

Gabriele: al momento abbiamo tutti quanti progetti individuali (al di là della promozione dello stesso Four lines). Qualcosa bolle per ciascuno.

Quali sono state le difficoltà pratiche maggiori del vostro viaggio? Da un punto di vista artistico invece, è stato difficile convogliare quattro punti di vista differenti in un solo sguardo?

Andrea: di difficoltà, forse per il fascino del viaggio, forse per l’emozione o chissà cosa, non ne ricordo traccia. Unico momento di panico quando ci è finita la benzina su un altissimo ponte danese, con la macchina spenta che lo discendeva per forza di gravità…

Anna: le difficoltà ci sono state più nel pre e nel post viaggio che durante lo stesso. L’organizzazione di un progetto così complesso e di un viaggio così particolare (e delle successive mostre, pubblicazioni, impegni), da concordare da tre città diverse d’Italia incastrandolo – ringrazieremo zio internet per tutta la vita- tra gli impegni quotidiani di tutti, a volte è risultato e risulta complicato. Invece per quanto riguarda il viaggio, ogni “problema” pratico che si è presentato (benzina che finisce, soldi che scarseggiano, ostelli maledetti, caproni assassini, mal di mare, polaroid ribelli) non ha fatto altro che diventare un aneddoto divertente o comunque emozionante che ci lega al viaggio stesso.

Elena: il viaggio è cominciato all’insegna della sfiga nera. Mi sono scordata la carta d’identità a Milano e me ne sono accorta mentre ero in treno ormai a Bologna. Per fortuna ho risolto il problema grazie a un sant’uomo e sono riuscita a partire con i documenti. Appena saliti in macchina ci siamo resi conto che l’ accendi sigari non funzionava e quindi non potevamo mettere in carica il nostro amico navigatore, tra l’ altro ottima scelta della data di partenza  1 maggio e quindi ogni elettrauto d’ Italia era chiuso. Per cercare di aggiustarlo sostituendo fusibili a caso fermi in autogrill siamo riusciti a mettere fuori uso anche l’autoradio. Tutto questo è successo ancora prima di passare il confine con l’ Austria. Comunque, come dicono Andrea e Anna, le disavventure rendono un viaggio più colorato, e ripensandoci adesso mi faccio una gran risata. A livello artistico tutto ci è venuto molto naturale, stando tanto insieme i nostri occhi hanno cominciato a essere attratti da cose molto simili, ma ovviamente ognuno di noi le ha riportate con il proprio stile.

Gabriele: potrei dire i malanni dei primi giorni e la perdita di ben tre macchine fotografiche. Per quanto riguarda i quattro punti di vista, non penso siano stati convogliati in un solo sguardo. Sono rimasti quattro sguardi distinti. Contaminati ma distinti.

Come mai avete scelto l’affascinante medium della Polaroid?

Le Polaroid vivono di vita propria, sono imprevedibili ed affascinanti, emozionanti e non incredibilmente uguali l’una all’altra come le foto digitali dei tempi nostri. Il nostro progetto è nato nello stesso periodo in cui Impossible Project ha annunciato il lancio delle nuove pellicole per macchine fotografiche Polaroid, abbiamo pensato fosse il momento perfetto, per mostrare a tutti quanto si possa realizzare con l'”obsoleta” fotografia istantanea. Inoltre la combinazione Polaroid e Scandinavia ci è sembrata perfetta e non abbiamo resistito. E’ un mezzo ostico a volte, poco comodo per scattare in particolari condizioni atmosferiche, ma in quanto a resa finale è impareggiabile.

Pensate di continuare a lavorare insieme in altri progetti? Se si ne avete già in mente qualcuno che vorreste anticiparci?

Per ora non abbiamo in mente niente di nuovo, ci concentriamo sulla promozione del progetto, sulle mostre in programma e sulla vendita del nostro libro fotografico, che potete trovare qui: http://fourlines.bigcartel.com/.

Follow @positive_mag on twitter for the last updates

You may also like

0 comments

Leave a Reply