Globtrotter chat: Nikolas Grasso in Bucharest

Intervista / Interview by Sara Cimino, Editor in Milan

Nikolas Grasso is a young movie director, who graduated in Video Design at IED in Milan. He is now in Romania where he is collaborating with a local tv channel.

Nikolas Grasso è un giovane regista, laureatosi in Video Design allo IED di Milano. In questo momento si trova in Romania dove collabora con una nota tv locale.

 

S: Hi Nik, are you still in Bucharest?

N: Yeah, still here in Romania. It’s a very nice spot if you want to check out an eastern country. There are many nice cities to visit, such as Timisoara, Cluj, Brasov, Constanta, but Bucharest remains the capital, and it’s a huge metropolis which combines modern with history. One example: the huge Palace of the Parliament, which was the residence of Romania’s dictator Nicolae Ceausescu. It’s the second largest building after the Pentagon in the world!

S: Ciao Nik! Sei ancora a Bucarest?

N: Sii, ancora qui in Romania! E’ davvero un bel posto da visitare, se si vuole conoscere un paese dell’est europa. Ci sono diverse città da vedere, come Timisoara, Cluj, Brasov, Constanta… ma Bucarest resta la capitale ed  è una grande metropoli che riunisce la storia con la modernità. Per fare un esempio: l’enorme Palazzo del Parlamento, che in passato è stato la residenza del dittatore romeno Nicolae Ceausescu, è il secondo edificio più grande del mondo dopo il Pentagono!

 

S: How’s working there?

N: I got used to it. The main difference I’ve noticed is that I have a lot of freedom from the artistic point of view; and that’s a plus. On the contrary I miss speaking  Italian. I do speak Romanian, so I have no communication problems and don’t worry: here they speak a very fluent English… you can still feel the eastern accent but that’s part of the atmosphere. It comes with the package, you know. LoL! Regarding my job it’s connected with the tv business… you know I prefer making movies than work in television, but it’s just to gain some different experience. Anyway I’m working on  a script now for a new movie.

S: Come ti trovi a  lavorare li?

N: mi ci sono abituato, La principale differenza che ho notato, è che ho un sacco di libertà dal punto di vista artistico, e questo è sicuramente un punto a favore. Però mi manca parlare l’italiano! Parlo il romeno quindi non ho problemi a comunicare e non vi peoccupate: qua parlano molto bene l’inglese… si sente l’accento dell’est, ma fa parte dell’atmosfera. Tutto compreso nel pacchetto (…ride!…). Per quanto concerne il lavoro, è collegato al business televisivo… come sai mi piace più lavorare ai film che per la tv, ma è per provare un’esperienza diversa. Comunque sto anche lavorando a un copione per un nuovo film.

 

S: I know you’ve travelled a lot. What did struck you about Romania?

N: Well… let me see… the women? Ahha .. noo… I mean in a certain way yes… because here I found my One and Only One.

Romania is a beautiful country. Lots of parks, buildings in the Parisienne style. That’s why it’s also known as “little Paris”. You can even find the triumphal arc in a huge square, wonderful churches and monasteries. Romania is more over about music, culture, tradition, beauty and depth of feelings.

S: so che hai viaggiato molto, cosa ti ha colpito della Romania rispetto agli altri paesi?

N: mmmmm, vediamo…. Le donne? Ahahah, nooo, ma in un certo senso si, perchè ho trovato la mia anima gemella!

La Romania è un paese bellissimo. Ci sono un sacco di parchi ed edifici in stile parigino, anche per questo Bucarest è conosciuta come la “piccola Parigi”.Puoi persino trovare l’arco di trionfo in una piazza enorme, bellissime chiese e monasteri… la Romania è  in oltre legata alla musica, la cultura, la tradizione e la bellezza e profondità dei sentimenti.

 

S: What are the opportunities for business there?

N: There is a large potential for any kind of business. Talking about movies there are a lot of pros. You can find very talented people you can work with and you will spend for sure less than shooting in the US or in an other European country such as Italy. Lots of American productions decide to film in Romania. Recently they shoot One in the Chamber starring Dolph Lundgreen and Cuba Goodin Junior. I was lucky enough to check out the set several times thanks to my friend Patricia Poienaru, the Line Designer. Right now they are shooting a film starring Jean-Claude Van Damme and last year Nicolas Cage came here to shoot. Even his uncle Francis Ford Coppola directed Youth without Youth here in Romania.

S: quali sono le opportunità di lavoro che ci sono li?

N: ci sono tantissime e differenti opportunità. Parlando ad esempio di cinematografia, ci sono un sacco di lati positivi. Si possono trovare persone di grande talento, con le quali si può lavorare in maniera proficua,  riducendo notevolmente i costi per le riprese rispetto agli USA e altri paesi dell’Europa. Ci sono un sacco di produzioni americane che decidono di girare i film in Romania. Recentemente hanno girato “One in the Chamber” con Dolph Lundgreen e Cuba Goodin Junior. Ho avuto la fortuna di andare sul set più volte grazie alla mia amica Patricia Poienaru, la produttrice. In questo momento stanno girando un film con Jean-Claude Van Damme e l’anno scorso Nicolas Cage è venuto qui per girare. Anche suo zio Francis Ford Coppola ha girato in Romania “Youth without Youth”.

 

S: What is something that you don’t like about Bucharest?

N: Taxissssss!!! I mean for you, if you are a foreigner visiting Bucharest for the first time, you have to be careful. Taxis will be your nightmare. Meaning that there are some “bad” companies (such as Arsenal) which will charge you thrice the amount a normal taxi would (such as Leone). Of course you will find the “bad guys” in front of the airport, the main train station and in the city centre but just try to avoid the ones that show 3.5 RON on their doors since 1.40 RON is the normal rate. Anyway taxis remain the best and cheapest way to move around once you get used to it.

S: c’è qualcosa che non ti piace assolutamente di Bucarest?

N: i taxiiiiiii!!!! Lo dico per te, se sei uno straniero che visita Bucarest per la prima volta, devi stare attento. I taxi saranno il tuo incubo! Nel senso che ci sono alcune compagnie poco raccomandabili (come Arsenal), che rincarano tre volte la cifra di una normale tariffa (come quelle offerte da Leone). Ovviamente questi taxisti si trovano nelle zone dell’aeroporto, delle principali stazioni e nel centro della città, e tutto ciò che bisogna fare e cercare di evitare quelle che espongono “3,5 RON” sulle porte e non “1,40 RON” (la tariffa normale). In ogni caso i taxi rimangono il modo migliore e più economico per spostarsi, una volta che ci si è abituati.

 

S: As you guessed I’ve never been to Bucharest. If I’ll ever come there what I shouldn’t  miss?

N: eating at Caru cu Bere some traditional Romanian food, have a walk in Lipscani, the old city centre, visiting the Palace of the Parliament, going to a concert at the Romanian Athenaeum. And don’t forget to call me! I will be an excellent guide!

S: Come avrai capito non sono mai stata a Bucarest, se ci dovessi andare cosa non dovrei perdermi assolutamente?

N: andare a mangiare al Caru cu Bere alcuni piatti tradizionali romeni, fare una passeggiata in Lipscani, il centro storico della città, visitare il Palazzo del Parlamento e andare a un concerto all’ Ateneo Romeno. E non dimenticarti di chiamarm! Sarò un’ottima guida!

 

Follow @positive_mag on twitter for the last updates

You may also like

0 comments

Leave a Reply