green island

Che quest’anno fuorisalone ce lo facciamo sotto l’acqua l’abbiamo ormai capito.

Il cielo è più nero che azzurro e dei glicini fioriti nelle scorse settimane quasi nemmeno più l’ombra.

Un consiglio per aggiustarsi l’umore è farsi un giro ad Isola.

Partenza obbligatoria da Porta Garibaldi che tanto una valanga di noi ci arriva in treno e corre diretta al sottopassaggio per prendere la metro o il passante. Fate uno sforzo. Salite al piano superiore.

REURBAN ci regala un tappeto fiorito pronto ad istruirci sui modi e gli utilizzi delle fioriture spontanee, così mentre controlliamo gli orari del prossimo treno un pochino di colore lo vediamo, a dispetto del cielo.

Se poi vi sentite coraggiosi mollate i mezzi pubblici, aprite l’ombrello e andate alla scoperta dei piccoli orti-giardino che vi accolgono all’entrata di negozi e ristoranti in gran parte del quartiere, ospitati in box rigorosamente eco ricavate da cassette riciclate ridisegnate dagli studenti del Politecnico di Milano.

Fermatevi da uno di loro e prendete una brochure per farvi un’idea di come Isola si stia impegnando per proporre un ciclo di eventi e iniziative legati all’eco, al bio e alle nuove sperimentazioni, smettete di guardare il cielo per un po’ che tanto non migliorerà presto ed entrate in uno dei punti indicati dalla mappa.

Sicuro qualcosa di buono lì lo trovate.

Giulia Micheila

Follow @positive_mag on twitter for the last updates

0 comments