Fra.Biancoshock presenta: "Unconventional Experiences"

edit by: tobia piatto (tobia.piatto@positive-magazine.com)

works by: Fra.biancoshock (anonimo)

photo by: Myst-R / Francesca Cavarretta

SORRY, THIS ARTIST DOES NOT EXIST: unconventional experiences

 “Biancoshock è un concetto lontano dall’essere un artista. Ancora più lontano dall’essere uno street artist.

Non leggo libri d’arte, non frequento mostre e non conosco critici: realizzo “esperienze” che si posizionano con orgoglio, e di diritto, aldilà dei comuni schemi artistici.

Le mie “esperienze” non sono tormentoni per autopromuovermi, non necessitano di lunghe descrizioni e NON sono opere d’arte: sono semplici occasioni di comunicazione e provocazione rivolte alle persone comuni; quelle che, prive di qualsiasi competenza artistica, hanno ancora la voglia di stupirsi ed emozionarsi davanti a qualcosa che è stato lasciato in strada per tutti”.

PRESENTAZIONE DELLA SERIE “PERFORMANCE”:

 A lavoro finito un artista analizza la propria opera affinché non vi siano imperfezioni, la critica e la osserva per ore e ore cercando di capire se è riuscito a trasmette le sensazioni desiderate.

Guardare una mia “esperienza” o analizzarne l’effetto visivo non mi ha mai regalato particolari emozioni o soddisfazioni: trovo decisamente più appagante viverla.

“Performance” è una forma di egoismo emotivo: è un’occasione in cui posso vivere a livello personale le “esperienze” che concepisco, entrandone a far parte ma senza esserne protagonista.

“Performance” è un istante in cui l’obiettivo non è più comunicare una sensazione che vivo, ma è vivere il momento stesso in cui si concretizza tale forma di comunicazione.

CRISIS FLAVOUR: 2012 – Milano

Business is business

MY FIRST CANVAS / MY LAST CANVAS: 2012 – Milano

 

Descrizione “My first canvas”: a future as a landscape painter.

Descrizione “My last canvas”: no future as a landscape painter.

Follow @positive_mag on twitter for the last updates
About the Author

Tobia Piatto, born in 1989 in Venice, has started taking photographs about the underground world of skateboarding in 2007, making of his biggest passion a work. He has started working for POSI+TIVE magazine in 2010, writing for photography, fashion and culture departments.

Leave a Reply

Your email address will not be published.