KennyRandom @ SpazioTindaci

http://www.positive-magazine.com/wp-content/uploads/2009/10/P1180546.JPG

P1180546

Di Ian Aaron Davidson inviato da Padova, Italy

La storia del caso è forse infinitamente declinabile. Tommaso, commentando Aristotele e denigrando Empedocle, arrivò a dire che le cose quasi mai accadono per caso (“quae autem sunt a casu sine causa determinata non sunt ut in pluribus, sed ut in paucioribus“). Hegel, Ferguson e Wundt preferirono lodare molteplicemente l’eterogenesi dei fini. Le matematiche recenti cercano di incorporarlo.

P1180547

Il caso (quello stesso caso che non manca mai di suscitare stupore ed ammirazione) impilato su una serie di eventi convergenti, mi ha portato a conoscere Kennyrandom. Mi perdo spesso per le le strade della mia stessa città, e codesta volta non faceva eccezione. Stavo cercando la via di casa, quando sono incorso in un’ingiustificata folla; uno sguardo superficiale ha colto uno spazio espositivo futuristico, cocktail e depliant patinati. Uno più attento, invece, dei personaggi graffiteschi in cornici barocche.

P1180550

Mi ci sono voluti dei secondi per realizzare con stupore che quegli stessi graffiti che stavano esposti allo sguardo ammirato dei soliti occhialuti intellettualoidi vitaminici cardigan-vestiti, erano gli stessi che avevo visto un po’ dapperttutto in giro per la città.

P1180551

Com’è forse noto, non sono esattamente un appassionato di arte contemporanea. Ad essere sinceri ne detesto grossa parte; tuttavia, non ho intenzione di fare qui l’apologia dell’accademismo o simili. Il problema estetico nell’arte novencentesca e post-avanguardista è già stato analizzato fino nei minimi termini e la discussione mi interessa ormai meno della loro verità. Kennyrandom è un artista contemporaneo, “molto presente sul territorio“, mi spiega Diletta Biondani, curatrice della mostra. “Abbiamo già ospitato due mostre di Kennyrandom qui presso SpazioTindaci, e oggi siamo addrittura arrivati a due esposizioni contemporanee“.

In effetti l’installazione è divisa in due parti: Selfdistruction in gold frames“, che prende posto nella sala principale, rappresenta dei soggetti (una congiunzione di Modigliani e botox) sempre uguali, ma con sfondi diversi. “Kenny danneggia volontariamente e vandalizza con lo spray e le graffiature i suoi personaggi. Poi impreziosisce l’opera con una cornice barocca. I suoi personaggi vogliono raccontare una storia, sembrano illuminati come se fossero in un teatro e la loro consunzione rappresenta l’effetto del tempo sulle cose e sulla nostra pelle.

P1180553

The Random’s butterflies“, invece, è la parte che trovato interessante. Per qualche motivo sono sempre stato inspiegabilmente attratto dai colori, e questa insensata serie di farfalle colorate non ha perciò mancato di (bambinescamente) soddisfarmi. La brochure cita, un po’ stupefacentemente, Hirst, che “lavorò” sul tema delle farfalle; istintivamente questi lavori mi ricordano piuttosto di pseudoartisti tipo Bansky, Above e gli stencil-writers in generale, o (per altri versi) a certe parti della produzione di Warhol e Lichtenstein. “Per Kenny le farfalle rappresentano semplicemente uno degli esseri viventi più belli e perfetti che esistano. Vogliono essere macchie di colore che portano con sé pezzi di strada, città, vita e accompagnano in maniera accativante, gioiosa e piacevole la nostra quotidianità.

P1180559

Non sopporto la necessità di spiegazioni che la sedicente arte contemporanea richiede; in generale la trovo fuorviante e autoindulgente, e anche in questo caso le spiegazioni sul significato delle opere sono un po’ come il silicone nelle labbra di Valeria Marini: nel tentativo di strafare, rovinano tutto. Le farfalle di Kenny sono dei piacevoli studi di colore (evidentemente non ha mai letto Goethe o Schopenhauer, ma poco male), e al contrario di tante altre “opere” moderne non sono esteticamente orrende, e anzi sarebbero perfette per decorare un salotto o uno spazio minimal.
Come sempre, il problema è nelle pretese.

P1180561

Follow @positive_mag on twitter for the last updates

0 comments