COP15- 16 Dicember Reportage

_DSC0525

Il racconto del 16 dicembre potrebbe iniziare dalla fine della manifestazione.

Un gruppo di ragazzi inizia a chiedere alla Polizia danese, in coro ed intonati, “you are nice, you are cool, please take it off the elmet and show you” o qualcosa del genere, fatto sta, che gli agenti, prima si guardano tra di loro, poi sorridono e decidono di seguire il gruppo pacifico, tra gli applausi della gente.

Non è stato tutto rose e fiori però, gli scontri ci sono stati ed iniziati alla fine del corteo, davanti al “Bella Center”, centro congressuale dove si tiene il vertice.

Già nella prima mattina i manifestanti, partiti alla buon’ora in due cortei separati, avevano capito che il clima, a dispetto della folta nevicata che ha coperto Copenhagen, era assai caldo. I ragazzi del “Bike Bloc”, ovvero azioni di disturbo in bicicletta, hanno visto le catene non solo del proprio mezzo ma anche quelle delle manette.

In molti infatti sono stati fermati e condotti nei centri di detenzione temporanea.

La manifestazione, circa 1000-1500 persone, indetta da “Climate justice action”, partiva già con presupposti di protesta ferma: il portavoce del gruppo, che stava parlando ieri all’interno del Bella Center era stato arrestato per poi essere scarcerato qualche ora dopo, come oramai è d’uso agire da queste parti.

Quando i manifestanti sono arrivati davanti al bella center,tra le 11.30 e le 12, la polizia è aumentata a vista d’occhio ed era sempre più agitata. A furia di voler contenere, si è arrivati alle spinte, fiamma scatenante di tutta la violenza che poi si è vista davanti alla strada che porta al centro congressi.

Dalle spinte si è passati alle manganellate, mentre i manifestanti urlavano contro gli agenti in assetto antisommossa. Non sono stati neppure risparmiati i gas urticanti agli occhi e l’aria iniziava ad essere irrespirabile, anche a causa ci un fumogeno arancione che è stato lanciato nel mezzo della folla. La polizia ha effettuato arresti a random, mentre con fatica sono riusciti a sequestrare il camion dove c’erano alcuni portavoce che attraverso un impianto collocato sul mezzo, incitavano come dei pazzi la folla a resistere, a rimanere compatti e ad avvicinarsi al camion. La polizia alla fine è riuscita a salire sul mezzo e a sequestrarlo, mentre le persone che erano all’interno, sono state portate via sulle camionette.

Con fatica la situazione è tornata più tranquilla, i manifestanti sono stati fatti indietreggiare facendo muro con i furgoni blindati della Polizia.

La fine si è conclusa in modo pacifico, con canti e balli e qualche arresto dell’ultima ora, sicuramente un italiano e un francese, in totale circa 230 i fermati.

All the phtos of the day- click here.

Follow @positive_mag on twitter for the last updates
About the Author

The articles written by this author are uploaded by the Positive Magazine Editorial Team and written by the the author(s) indicated on the top of the article.

Leave a Reply

Your email address will not be published.